Fondazione Enrica Amiotti
Dal 1970 a supporto di insegnanti e studenti della scuola primaria statale


Se avete a cuore il futuro della scuola pubblica italiana e l'iniziativa Rinascimente, destinate il vostro 5 x mille alla Fondazione Enrica Amiotti, dal 1970 al servizio di insegnanti e alunni della Scuola statale in tutta italia. Impiegheremo il vostro contributo per arricchire il monte premi dei nostri bandi e per sostenere Rinascimente TV, la web TV per gli insegnanti e i genitori dei bambini dai 4 ai 14 anni



Bando Fondazione Amiotti 2013

Assegnati i premi del Bando 2014

DAL SOGNO AL PROGETTO PER LA MIA CITTÀ

RISERVATO AGLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E DEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI STATALI

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Enrica Amiotti, riunitosi il 30 aprile 2015, ha deliberato di ripartire il montepremi complessivo di € 10.000 previsto dal Bando “Dal Sogno al Progetto per la mia Città” tra 3 progetti particolarmente meritevoli:


Primo classificato: Premio di € 5.000 agli insegnanti che hanno animato il progetto

L'acqua fa scuola – Insegnante referente Silvia Palumbo
Classe I B dell’ IC “Padre Minozzi” di Matera


Secondi classificati a pari merito: Premio di € 2.500 a ciascun progetto e agli insegnanti che li hanno animati

“Giardino Okkup@.to” – Insegnante referente Fabrizio Ferrari
Classe III e IVD - Scuola Primaria “Edmundo De Amicis”, dell’IC “Regio Parco” di Torino
“Essere è benessere” – Insegnante referente Antonella Ramondini
Classe I A - Scuola Secondaria di I grado “Cannavò”, dell’ IC “San Sperato – Cardeto” di Reggio Calabria


L’effettiva corresponsione del Premio è vincolata al rispetto delle condizioni del Bando, in particolare alla liberatoria per la pubblicazione dei video e dei documenti di progetto sul sito www.fondazioneamiotti.org e www.rinascimente.org .


Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Enrica Amiotti, supportato dal Project Management Institute – Northern Italy Chapter (PMI-NIC), ha valutato questi tre progetti tenendo conto della loro eccellenza in termini dei seguenti criteri:

  • Originalità
  • Ambizione
  • Innovazione
  • Fattibilità
  • Impatto sui destinatari e sul territorio in cui operano
  • Autorevolezza (in riferimento alla presentazione video)
  • Cooperazione
  • Trasferibilità.


In occasione del precedente Bando “Dal Sogno al Progetto”, l’ing. Walter Ginevri del PMI aveva dichiarato:

Grazie alla collaborazione fra la Fondazione Amiotti e la comunità professionale di cui faccio parte, ho avuto modo di contribuire, sia alla formazione dei docenti che hanno aderito al bando, sia alla valutazione finale dei progetti da loro realizzati assieme agli alunni. Ciò che posso affermare, senza ombra di dubbio, è che il livello qualitativo espresso è stato fra i più alti mai raggiunti nei miei sette anni di collaborazione con decine e decine di scuole primarie che hanno sperimentato l'utilizzo del kit metodologico in Italia e all'estero. Voglio quindi esprimere la mia profonda riconoscenza nei confronti dei docenti e degli studenti che hanno speso le loro migliori energie per realizzare progetti così innovativi, sfidanti e capaci di dare concretezza a un sogno. Alla Fondazione Amiotti un ringraziamento particolare per aver rafforzato una mia profonda convinzione, ovvero che il "progetto" non è solo un potente strumento per sviluppare competenze chiave come quella di "imparare ad imparare", ma anche una bellissima palestra per costruire relazioni interpersonali e, in un mondo sempre più globale, un vero e proprio "linguaggio universale" per le nuove generazioni.


Walter Ginevri – Presidente PMI-NIC (www.pmi-nic.org)


La Fondazione Enrica Amiotti suggerisce anche il video in homepage di pmief.org e di scaricare la documentazione per LIM da: pmief.org/learning-resources/learning-resources-library/projects-from-the-future-primary-schools-whiteboard-version




Convegno "Rinascimente: la bella scuola possibile"

Sabato 21 Marzo 2015
℅ Istituto Artemisia Gentileschi, Via Natta 11, 20151 Milano (M1 Lampugnano)










La Fondazione Enrica Amiotti, in collaborazione con Fondazione Perugiassisi 2019 (www.perugia2019.eu/it) e con Fondazione Ismu (www.ismu.org), da giugno 2014 si è fatta promotrice di Rinascimente www.rinascimente.org: un nuovo progetto di Scuola, nato in Italia e con forte vocazione internazionale. 


Scarica qui il Manifesto di Rinascimente che ti invitiamo a sottoscrivere!

Rinascimente è la Scuola:

di Tutti i Talenti

della Curiosità e del Coraggio

di Tutti e per Tutti

della Diversità e della Comunità

della Conoscenza Integrata e dell’Arte

dalla Sperimentazione e Apprendimento Attivo

dell’Individualità e dei Gruppi

dell’Attenzione e del Rispetto

dei Linguaggi Verbali e Non-Verbali

della Comunicazione e degli Eventi

dell’Educazione e dell’Espressione Fisica

della Natura e della Salute

del Valore del Tempo

della Responsabilità

della Vita Impegnata e Ricca di Senso

della Performance

dell’Eccellenza e della Felicità

della Frugalità e della Manualità

dell’Intrapresa Economica e Sociale

del Project Management.

Rinascimente è la Scuola per tutti i talenti e linguaggi espressivi. Si ispira al Rinascimento (quando arte e scienze, bellezza ed utilità, teoria e pratica erano un tutt’uno armonico) e alla migliore pedagogia “attiva” di inizio ‘800 e inizio ‘900, ma è anche immersa nel presente e nel futuro delle reti, dei contenuti e delle tecnologie digitali.

Rinascimente vuole mettere a sistema, diffondere ed integrare l’esperienza di un gruppo crescente di insegnanti e dirigenti scolastici eccellenti della Scuola pubblica, promotori di una “didattica del fare” e “per progetti”, legata alla realtà e all’esperienza, all’innovazione e alla concretezza, ricca di metodi laboratoriali, partecipativi e inclusivi, che vedono i bambini e i ragazzi dai 4 ai 16 anni protagonisti attivi del proprio processo di apprendimento e crescita personale

Invitiamo tutti gli insegnanti che credono ancora nella possibilità di poter realizzare un progetto di scuola migliore di quella di oggi, una scuola innovativa, inclusiva, una scuola dell’equilibrio, della consapevolezza, una scuola in cui la “diversità” – in tutte le sue forme – non viene più vista come un limite ma come una fonte di ricchezza e crescita personale, a leggere il Manifesto nella sua versione integrale http://www.rinascimente.org/it e a sottoscriverlo collegandosi a questo link e compilando il modulo apposito http://www.rinascimente.org/it/firma-il-manifesto.

Rinascimente è un’idea che nasce da un gruppo di persone – insegnanti, dirigenti scolastici ed esperti attivi nel mondo della scuola – che amano il proprio mestiere e credono che per ridare speranza a un intero paese e alle prossime generazioni occorra cambiare, valorizzare e potenziare l’attuale sistema scolastico. Questo è il nostro sogno, ma vogliamo che diventi un progetto da realizzare, condiviso da milioni di italiani e italiane.

Scriveteci a rinascimente@fondazioneamiotti.org, perché le vostre idee, i vostri suggerimenti, le vostre critiche, ogni forma di aiuto che vorrete darci, sono un piccolo ma fondamentale tassello che ci renderà artefici del nostro futuro e di quello dei nostri figli. 


Assegnati i premi del Bando 2014

DIDATTICA DEL FARE. FARE PER INCLUDERE

RISERVATO AGLI INSEGNANTI, ALLE DIREZIONI DIDATTICHE E AGLI ISTITUTI COMPRENSIVI STATALI


Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Enrica Amiotti, riunitosi il 15 dicembre 2014, col supporto del proprio Comitato Scientifico e di esperti della Fondazione Ismu, ha deliberato di attribuire il premio monetario di € 1.000 e un contributo pari sempre a € 1.000 in beni e servizi a scelta dell’Istituto – insieme a tutte le altre agevolazioni e servizi previsti dal Bando – a quelle scuole che ci hanno proposto progetti che

  • vedono i bambini e i ragazzi come protagonisti attivi del processo educativo, valorizzando la più ampia gamma di talenti e di linguaggi verbali (lingue materne e straniere) e non verbali, (musicali, artistico-espressivi, …);

  • mirano a favorire l’inclusione di tutti gli alunni, da quelli ad alto potenziale cognitivo a quelli con Bisogni Educativi Speciali (BES).

Gli Istituti selezionati saranno coinvolti nella prosecuzione del progetto Didattica del Fare. Fare per includere che prenderà avvio alla fine del mese di Gennaio 2015:

Istituto

Dirigente

Insegnante referente

Esempi di pratiche inclusive e innovative

Direzione Didattica G. Carducci, Livorno

Camilla Pasqualini

Mariagrazia Piombanti

  • Antico Egitto - Lab. di storia

  • Un Banco all’opera

  • A scuola con il net

I.C di Verbania Trobaso, Verbania

Margherita Palladino

Maddalena Grieco

  • Il piccolo gioco della filosofia

  • Laboratorio di cinema

  • In…contro

I.C Spoleto 1, Spoleto

Tecla Bacci

Roberta Farinelli

  • Dinamiche di gruppo

  • Matematica e geometria con il corpo

  • Teatro e pratiche espressive

I.C di Cogorno, Genova

Norbert Kunkler

Alfredo Gioventù

  • Art’inSpiaggia

  • L’ora di futuro

I. C. Padre Minozzi, Matera

Patrizia di Franco

Concetta Festa

  • I cercatori di poesia nascosta: Il Caviardage nella pratica curricolare; Siamo tutti poeti!

I.C Bastia 1, Bastia Umbra

Paola Lungarotti

Antonella Boccali

  • Abili insieme: laboratori artistico-artigianali extra scolastici;

  • Lab. teatro in lingua inglese

Uno o più progetti di quelli segnalati dalle scuole selezionate hanno dimostrato di collocarsi in perfetta continuità rispetto al progetto Didattica del Fare. Fare per Includere, realizzato nell'a.s 2013/14, e in linea con la nuova iniziativa Rinascimente (www.rinascimente.org), un nuovo modello di scuola (età 4-16) attiva, creativa, partecipativa, laboratoriale, inclusiva, per scoprire e valorizzare tutti i talenti dei bambini, dai gifted a quelli con BES. In particolare il Bando ha voluto individuare progetti e percorsi didattici ritenuti particolarmente originali e innovativi, volti all’inclusione e alla valorizzazione delle molteplici differenze e diversità, alla scoperta e valorizzazione delle potenzialità e dei bisogni educativi di tutti gli alunni.


Bando Fondazione Amiotti 2013

Assegnati i premi del Bando 2013

DAL SOGNO AL PROGETTO

RISERVATO AGLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E DEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI STATALI

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Enrica Amiotti, riunitosi il 15 dicembre 2014, ha deliberato di estendere a € 16.000 il premio complessivo previsto dal Bando Dal Sogno al Progetto, ripartendolo in parti uguali di € 4.000 agli insegnanti che hanno animato i seguenti 4 progetti:

  • Un dono speciale: diamo voce al silenzio – Insegnante referente Luana Morgantini
    Classe IV A - Scuola Primaria "Don L. Milani" dell’ I.C di via Martiri della Libertà 4, Sarteano (Siena)
  • Aspettando gli amici…per l’Europa – Insegnante referente Carmela Paone
    Classe V - Scuola Primaria, Direzione Didattica I Circolo Formia (Latina)
  • We have a dream – Insegnante referente: Attilia Martone
    Classe IV - Scuola Primaria Marchesa dell’ I.C 3 Castaldi Rodari, Boscoreale (Napoli)
  • "L’attivamente - Sogni per una scuola a misura di bambino: spazi aperti al servizio dell’apprendimento - Insegnante referente: Roberta Farinelli
    Classi III C - IV C - V D - Scuola Primaria G. Cena - Direzione Didattica Statale III Circolo di Perugia
Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Enrica Amiotti, supportato dal Project Management Institute – Northern Italy Chapter (PMI-NIC) ha valutato questi quattro progetti pari merito. Nella valutazione si è tenuto conto della loro eccellenza in termini di:

  • Originalità
  • Ambizione
  • Innovazione
  • Fattibilità 
  • Impatto sui destinatari
  • Autorevolezza (in riferimento alla presentazione video)
  • Cooperazione
  • Trasferibilità
Grazie alla collaborazione fra la Fondazione Amiotti e la comunità professionale di cui faccio parte, ho avuto modo di contribuire, sia alla formazione dei docenti che hanno aderito al bando, sia alla valutazione finale dei progetti da loro realizzati assieme agli alunni.

Ciò che posso affermare, senza ombra di dubbio, è che il livello qualitativo espresso è stato fra i più alti mai raggiunti nei miei sette anni di collaborazione con decine e decine di scuole primarie che hanno sperimentato l'utilizzo del kit metodologico in Italia e all'estero.

Voglio quindi esprimere la mia profonda riconoscenza nei confronti dei docenti e degli studenti che hanno speso le loro migliori energie per realizzare progetti così innovativi, sfidanti e capaci di dare concretezza ad un sogno.

Alla Fondazione Amiotti un ringraziamento particolare per aver rafforzato una mia profonda convinzione, ovvero che il "progetto" non è solo un potente strumento per sviluppare competenze chiave come quella di "imparare ad imparare", ma anche una bellissima palestra per costruire relazioni interpersonali e, in un mondo sempre più globale, un vero e proprio "linguaggio universale" per le nuove generazioni.
Walter Ginevri – Presidente PMI-NIC (www.pmi-nic.org

La Fondazione Enrica Amiotti suggerisce anche il video in home.page di http://pmief.org/ 

La Fondazione Amiotti si adopererà per raccogliere e/o favorire la raccolta fondi da parte di filantropi e istituzioni del territorio, a favore dei 4 progetti selezionati e di altri 6 progetti meritevoli di attenzione:

  • Lavoro = futuro – Insegnante referente: Elisabetta Nicoli 
    Classe III C - Scuola Martiri di Belfiore dell’I.C Mantova 3
  • Il valore dell'amicizia - Cooperare in difesa del Diritto all'Istruzione – Insegnante referente: Manola Cartacci
    Classi II D della Scuola Secondaria di Primo grado "E. Fermi", IV A e IV B della Scuola Primaria "Marco Verdigi", I.C "Livia Gereschi", Pontasserchio, San Giuliano Terme (Pisa)
  • L'amore supera ogni confine - Insegnante referente: Annamaria Borrelli
    Classe IV B - Scuola Primaria, I. C "Giuseppe Giuliano" Latina
  • Biblio4Me, Insegnante referente: Sara Belloni
    Classe II C - Scuola Secondaria di Primo grado, I.C di Fiorenzuola D'Arda (Piacenza) 
  • "Un grande sogno per la nostra città" – Insegnante referente: Maria Cristina Lucchetti
    Classe III B - Direzione Didattica "G. Mazzini" - Scuola Primaria "G. Mazzini", Terni 
  • I Have a Dream - La partecipazione è di tutti e comincia dai bambini – Insegnante referente: Mariamonica Cappelli
    Classe IV A/B, Scuola Primaria "G. Puccini", Montecarlo (Lucca)
I progetti premiati e segnalati hanno dimostrato di aver raggiunto e spesso largamente superato gli obiettivi prefissati dal Bando Dal Sogno al Progetto. In particolare essi hanno dimostrato di incidere su uno o più di questi ambiti:

  • miglioramento delle condizioni di vita personale, famigliare e della salute di singoli alunni della classe o di bambini della stessa città o di luoghi del mondo diversi fra loro;
  • affermazioni di forti vocazioni già presenti in alcuni alunni in ambito scolastico, sportivo, umanitario, artistico e sociale in senso lato, anche attraverso il coinvolgimento di personaggi – italiani e stranieri – che hanno saputo realizzare i propri sogni nei vari ambiti della vita sociale, culturale, scientifica e imprenditoriale;
  • realizzazione delle pari opportunità di genere, in contesti interculturali o di forte disagio socio-economico che possono limitare le libertà e l'affermazione della personalità delle bambine e il pieno sviluppo delle loro qualità di cittadine di domani;
  • miglioramento delle condizioni ambientali, socio - economiche e artistico-culturali del quartiere o della città dove è inserita la scuola, col coinvolgimento dei genitori, delle istituzioni e di altri partner sul territorio;
  • realizzazione di sogni e progetti con una forte dimensione internazionale e/o realizzati in rete tra scuole, italiane o straniere, per esempio attraverso iniziative economicamente ed ecologicamente sostenibili.

Assegnato il super premio del BANDO - CONCORSO DI IDEE PER APPLICAZIONI DIDATTICHE DIGITALI E MULTIMEDIALI


Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Enrica Amiotti, riunitosi il 23 settembre 2014, ha deliberato di assegnare il super premio finale di € 10.000 previsto dal Bando Concorso di Idee per Applicazioni Didattiche Digitali e Multimediali ai seguenti Insegnanti per il Progetto:

Touch Math – I bambini sbriciolano la matematica

Insegnanti: Giosuè Verde (referente), Paola Guiso, Roberta Cuomo, Nicoletta Napolano, Amelia Mariani.
Scuola primaria 10 H - I.C.S. Virgilio 4, Scampia – Napoli
Il progetto Touch Math - I bambini sbriciolano la matematica realizzato negli A.S. 2012 -’13 e 2013 -’14 ha dimostrato non solo di aver raggiunto efficacemente gli obiettivi proposti e premiati nel Bando Concorso di Idee, ma di aver superato largamente le aspettative iniziali, realizzando un metodo didattico e una serie di prodotti digitali estremamente innovativi, partecipativi, inclusivi e molto efficaci in termini di apprendimento. 

Questo è il risultato di un lavoro di eccellenza che ha coinvolto diverse classi della scuola primaria e dell’infanzia dell’IC Virgilio 4 di Napoli. I bambini non sono stati solamente fruitori di nozioni teoriche, ma sono emersi quali principali protagonisti di una didattica peer to peer in cui essi stessi si sono fatti docenti dei compagni più piccoli, sbriciolando – per l’appunto – la matematica in pezzetti, tanto piccoli quanto concreti. Probabilmente è proprio nella concretezza, in quella che potremmo chiamare didattica del fare, che possiamo rintracciare quell’elemento di qualità che ha fatto la differenza, calando i bambini in situazioni concrete, mettendoli nella condizione di maneggiare con le loro mani numeri e forme geometriche. La matematica non è parsa più ai loro occhi come una disciplina ostica, ma - se legata al vissuto quotidiano dei bambini che comprende oggetti di uso comune quali ad esempio matite, colori, fagioli, figurine, ecc… - essa è vissuta come un gioco e, dunque, appresa con facilità ed entusiasmo. 

Si è verificato così il superamento della tradizionale didattica frontale e, di conseguenza, della distanza tra docente e alunni, che ha permesso a tutti i bambini di partecipare attivamente, di scoprire e imparare la matematica giocando - quindi per tentativi ed errori - in laboratorio come in palestra, attraverso il proprio corpo. Questa destrutturazione dei ruoli ha consentito, come abbiamo visto, a tutti i bambini di diventare insegnanti, stimolando così la loro crescita individuale e la loro autostima, entrambe messe duramente alla prova da un contesto sociale e familiare estremamente difficoltoso quale è quello di Scampia, quartiere di Napoli in cui la criminalità organizzata, il degrado sociale e l’abbandono scolastico sono all’ordine del giorno. La Fondazione Enrica Amiotti – secondo i dettami del proprio Statuto - nella valutazione finale di questo progetto ha tenuto conto anche del contesto sociale particolarmente svantaggiato e della particolare abnegazione e sacrificio con cui gli insegnanti svolgono la loro professione, pur all’interno di un Istituto – il Virgilio 4 – che si distingue anche a livello nazionale per la propria eccellenza operativa e didattica. 

Alla didattica laboratoriale è seguito, infine, un terzo momento che ha consentito il passaggio, difficoltoso quanto cruciale, all’astrazione. Questo è stato possibile trasferendo il lavoro fatto in aula e in palestra su dispositivi digitali (pc, tablet, notebook e LIM). Sono stati così prodotti due software ad hoc: Touch Math, creato per la Fondazione Amiotti in due versioni, una per desktop e Lim e un’altra per tablet e netbook, e il sito web www.atuttalim.it  dove si possono trovare numerosissimi giochi sia di matematica che di altre discipline che consentono al sapere di uscire dalle mura scolastiche per entrare nelle case dei bambini.

Alla luce di quanto detto fin qui, il progetto Touch Math si è aggiudicato il premio di € 10,000 poiché ritenuto estremamente robusto metodologicamente, originale nella sua applicazione quotidiana e altamente trasferibile a qualsiasi scuola primaria appartenente a qualsivoglia contesto socio-culturale. Non ultimo, crediamo di poter affermare che questo progetto abbia posto in essere quello che dovrebbe essere l’obiettivo per eccellenza della scuola Primaria Statale, l’obiettivo che ogni insegnante dovrebbe tener a mente nello svolgere quotidianamente il proprio mestiere: ovvero insegnare a imparare


Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Enrica Amiotti, tenuto conto dell’eccellenza e dell’innovatività degli altri due progetti premiati nell’ambito del Bando Concorso di Idee per Applicazioni Didattiche Digitali e Multimediali, ha deliberato un riconoscimento speciale, non previsto inizialmente, ai seguenti gruppi di insegnanti che hanno animato i seguenti progetti:

Robotica ed Energia

Insegnanti: Giuliana Finco (referente), Marina Sostero, Marinella Di Nunzio, Maria Giovanna Spolaore, Maria Teresa Corvino, Cristina Giuliano.
Scuola primaria Marcello, Selvazzano (Padova) 
L’uso della robotica educativa applicata all’uso di nuove fonti di energia rinnovabile, è risultato essere un progetto estremamente innovativo, trasferibile e profondamente inclusivo, in grado di catturare l’interesse e l’attenzione di tutti i bambini che anche in questo caso si sono sentiti i protagonisti di un processo educativo che incentiva la loro capacità di problem solving e la loro creatività. Ai bambini viene, infatti, offerta la possibilità di spaziare dal vissuto quotidiano al digitale, attraverso la programmazione di interi villaggi virtuali in cui il risparmio energetico e l’avanguardia tecnologica sono le parole d’ordine. E’ stato anche realizzato un plastico che rappresenta un’area del Comune di Selvazzano prossima alla scuola, con un’ integrazione – realizzata attraverso webcam, marker digitali e programmi di realtà virtuale in 3D - tra gli edifici esistenti realizzati in cartone e nuovi edifici digitali progettati dagli alunni. Nelle strade del plastico, inoltre, si muovono robot programmati dagli alunni e viene dato spazio alla creazione di energia eolica e solare, per alimentare gli stessi robot e alcune fonti di illuminazione.  Tutto questo viene documentato attentamente sul sito, creato ad hoc, http://www.giulien.com/moodle/ .

Alla luce di ciò il progetto Robotica ed Energia si è aggiudicato un riconoscimento speciale di € 5.000.

Let’s go to London

Insegnanti: Rossella Auriemma (referente), Elisa de Meo, Cecilia Orlandini.
Scuola Primaria di Villa Poma, Istituto Comprensivo di Poggio Rusco (Mantova):
Questo progetto è stato particolarmente apprezzato per l’alto grado di efficacia e trasferibilità dell’esperienza (gemellaggio durato 2 anni scolastici con una scuola di Londra, lezioni e drammatizzazione) e per la creazione e gestione minuziosa di un blog http://maestrarossella.blogspot.it/ estremamente ricco di filmati e materiale efficacemente fruibile da chiunque sia interessato. La lingua inglese è stata insegnata, fruita e contestualizzata attraverso teatralizzazioni riferite a situazioni concrete di preparazione e realizzazione del viaggio da effettuarsi a Londra. Il progetto costituisce pertanto un’ottima pratica socializzante e un efficace strumento di apprendimento linguistico all’interno di un ambiente socio-culturale ancora non sufficientemente aperto verso l’esterno.

Alla luce di ciò il progetto Let’s go to London si è aggiudicato un riconoscimento speciale di € 3.000.




L’ammontare del riconoscimento speciale attribuito ai due progetti tiene conto del numero complessivo degli insegnanti coinvolti.
E’ lasciata facoltà ai referenti di tutti e tre i progetti premiati di modulare la ripartizione del premio anche in funzione del coinvolgimento nel corso dell’A.S. 2013-’14 di altri insegnanti non firmatari del Concorso di Idee, in sostituzione degli (o in aggiunta agli) insegnanti firmatari.


Assegnati i premi del

BANDO – DAL SOGNO AL PROGETTO PER LA MIA CITTA’ RISERVATO AGLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA STATALE

La Fondazione Enrica Amiotti ha deliberato di assegnare i seguenti premi:

  1. Formazione  (a distanza) sul Project Management secondo un approccio testato con successo nelle Scuole Primarie italiane e di altri 5 paesi europei a partire già dal 2010 (vedi leaflet allegato e risorse su LIM scaricabili da http://www.pmi.org/pmief/learningzone/projects_from_the_future_whiteboard_version.asp) e il Kit Progetti in erba a cura del PMI-NIC (Project Management Institute  - Northern Italy Chapter), da erogare entro il 15 Ottobre

ai seguenti insegnanti per i rispettivi progetti, qui elencati nell’ordine in cui ci sono pervenuti:

Titolo del sognoInsegnantiScuolaComune
1. Abbattiamo le barriereQuattrini RominaSc. Primaria Bruno da OsimoOsimo (Ancona)
2. Uno sgambatoio in cittàCasali GiacominaSc. Primaria Via dei Politi/ I.C. B. GigliRecanati (Macerata)
3. Giardino Okkup@.toFerrari FabrizioI.C Regio Parco Torino
4. Tra sogno e realtàRamondini AntonellaI. C  San Sperato-CardetoReggio Calabria
5. L’acqua fa…scuola!Palumbo Silvia
I.C "Padre MinozziMatera
6. Quando la banda passò…Benedetti ValentinaSc. Primaria Marco Domenico VerdigiSan Giuliano Terme (Pisa)
7. Aldus Silente - the movieCorbi CinziaSc. Primaria Bassiano/ I.C PacificiSezze (Latina)
8. Orto in condotta – Nel cortile c’era un nespoloDegradi Beatrice  Sc. Primaria "Conforti Avogadro"Milano
9. Sognando PalermoAlabastro Maria ConcettaI. C. Politeama Palermo

Si comunica che l’effettiva attribuzione dei premi è vincolata all’accettazione delle norme sulla privacy e quindi alla comunicazione della liberatoria che autorizza la Fondazione Enrica Amiotti alla diffusione all’interno dei propri canali istituzionali dei video realizzati dagli insegnanti in cui sono presenti dei minori. Vi preghiamo di inviare a questo indirizzo mail: dalsognoalprogetto@fondazioneamiotti.org la liberatoria firmata dal Dirigente Scolastico della scuola o dell’Istituto Comprensivo che ci ha inviato il proprio progetto. 

Entro il 31 marzo 2015, gli insegnanti che avranno presentato i 30 migliori sogni preselezionati dovranno consegnare il progetto che porta a compimento o avvia a realizzazione il sogno della propria classe, attraverso un cortometraggio e un documento di sintesi, secondo modalità che verranno precisate nel mese di ottobre 2014.

Si specifica, infine, che, come già indicato nel Bando, entro il 15 giugno 2015, la Fondazione Enrica Amiotti – sempre col supporto del proprio Comitato Scientifico e del PMI-NIC – attribuirà i 2 premi per complessivi € 10.000 ad altrettanti insegnanti o gruppi di insegnanti che avranno raccolto ed animato i migliori sogni-progetti, attivando anche un supporto di tipo organizzativo-comunicativo e di ulteriore raccolta fondi di terzi per favorire la piena realizzazione e comunicazione dei progetti.



AICA – Associazione per l'Informatica e il Calcolo Automatico

Accademia dell’hardware e del software libero "Adriano Olivetti"

Fondazione Enrica Amiotti


PROPONGONO
AGLI INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1° GRADO

PADDI

PAtente per la Didattica DIgitale


PADDI è un corso online rivolto alle/agli insegnanti della Primaria e Secondaria di 1° Grado - con una certificazione conclusiva - orientato all’uso consapevole delle tecnologie libere e delle risorse digitali nella scuola. Si rivolge anche agli insegnanti senza alcuna preparazione informatica.
L’impegno è di circa 50 ore complessive, suddivise in videolezioni di 10-15’ minuti ciascuna, distribuite nell’arco di 2-4 mesi a seconda delle esigenze dei partecipanti, che possono collegarsi da casa o da scuola negli orari e nei giorni che preferiscono. Il corso è supportato da tutor e prevede esercizi ed auto-verifiche dell’apprendimento al termine di ogni modulo didattico.
Al termine del corso, gli insegnanti sapranno destreggiarsi non solo con le tecnologie (PC, tablet, LIM) ma anche e soprattutto con i contenuti didattici aperti già disponibili in rete, organizzati per materia ed ordine di scuola, e saranno coscienti e sapranno gestire i rischi per gli alunni della navigazione in rete.


Il corso si articola in 5 moduli:

  1. Introduzione all’informatica creativa 
  2. Tecnologie per la didattica. 
  3. Tecnologie della didattica.
  4. Lavagna interattiva
  5. Navigare sicuri

Informazioni ulteriori sul sito www.paddi.eu

Corso e certificazione possono essere acquistati direttamente su http://goo.gl/x01mxB, al prezzo di € 100 IVA inclusa.
E’ incoraggiata la partecipazione di gruppi di insegnanti dello stesso Istituto, con diverso livello di competenze digitali.
Per gruppi numerosi o per accordi speciali a livello di Istituto, scrivete a paddi@paddi.eu .